Trova nel sito
Contattaci
Newsletter
Comunicazione, PNL e Metaprogrammi - BUSINESS NOTARILE
16782
post-template-default,single,single-post,postid-16782,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

Comunicazione, PNL e Metaprogrammi

comunicazione metaprogrammi

Comunicazione, PNL e Metaprogrammi

Ho deciso di regalarvi qualche pillola di comunicazione efficace, adattata agli studi professionali.
Come sapete da un decennio mi sono appassionato alla PNL o per meglio dire alla Programmazione Neuro Linguistica, ma cos’è?
Per me è uno stile di vita più che una scienza e un modo per acquisire consapevolezza delle reazioni umane attraverso la comunicazione perché esiste una sorprendente diversità delle reazioni umane rivolgendosi a gruppi di persone diversi.
Non si può fare a meno di notare come ogni individuo reagisce in modo diverso nei confronti della stessa cosa.

Per esempio, raccontando una storia a persone diverse, una si può sentire folgorata, un’altra annoiata fino alle lacrime.

Queste persone stanno ascoltando attraverso un differente linguaggio mentale.

La domanda allora è: perché queste persone reagiscono in modo così diverso rispetto allo stesso messaggio?

Perché una persona vede un bicchiere mezzo pieno ed un’altra uno mezzo vuoto?

Perché ascoltando un determinato messaggio una persona si sente energica, eccitata e motivata mentre un’altra non evidenzia alcun tipo di reazione?

Se potessimo avere tutte le risposte …. beh in effetti le ho e le voglio condividere con voi.

Ricorda che se trovi la chiave giusta per toccare le corde di un individuo, puoi fare di tutto, con quella quella sbagliata non puoi fare più nulla.

Il messaggio più ispirante e profondo, la critica più intelligente, sono assolutamente privi di significato se non vengono recepite sia a livello razionale che emozionale o inconscio dalla persona a cui sono rivolte.

Se vuoi diventare bravo nel persuadere, se vuoi diventare bravo nella comunicazione efficace, sia nel business che nella tua vita privata, devi saper trovare la chiave giusta.

Tony Robbins, il coach numero uno al mondo, lo sa perfettamente e infatti, secondo lui, il percorso giusto per una comunicazione efficace è costituito dai metaprogrammi.

I metaprogrammi sono la chiave attraverso cui le persone processano le informazioni, i modelli che ci aiutano a determinare come ciascun individuo elabora le sue rappresentazioni, i suoi comportamenti e a cosa decide di dare importanza.

La Programmazione Neuro Linguistica, codificata da Richard Bandler, che avrò il piacere di incontrare la prossima settimana per un Master avanzato di PNL, sostiene che la nostra visione della realtà non è oggettiva ma solo una rappresentazione soggettiva della stessa.

Noi modifichiamo, cancelliamo, generalizziamo la realtà: il nostro cervello processa le informazioni molto di più di quello che fa un computer e, come un computer, non può fare nulla senza un software che gli fornisca la struttura per determinate operazioni da compiere.
I metaprogrammi sono parte del software nel nostro cervello.

Essi forniscono la struttura che organizza quello a cui noi prestiamo attenzione, danno un senso alle nostre esperienze, forniscono la base su cui noi decidiamo se qualcosa è interessante o stupido, è buono o rappresenta una minaccia.
Per avere una comunicazione efficace con un computer devi capire il suo software, per avere una comunicazione efficace con una persona devi capire i suoi metaprogrammi.
Gli individui hanno modelli di comportamento ed è attraverso questi modelli che organizzano le loro esperienze e compiono della azioni.
Attraverso la comprensione di questi modelli mentali puoi aspettarti che il tuo messaggio venga pienamente recepito, sia che si stia parlando di vendere un servizio o dimostrare comprensione e persino amore.
C’e sempre un modello a cui ogni persona fa riferimento quando accede a delle informazioni ed organizza i propri pensieri.

IL PRIMO METAPROGRAMMA: SCOPRIRE SE UNA PERSONA È ATTRATTA DA QUALCOSA OPPURE LA RIFUGGE

Tutti i comportamenti umani sono tesi a farci provare piacere oppure a farci evitare il dolore.
Una persona può voler camminare per chilometri per andare a lavoro perché ama fare esercizio fisico ed un’altra fa la stessa cosa ma solo perché ha la fobia di trovarsi in una macchina. Non si tratta tanto di cercare piacere ed evitare il dolore ma di fuggire o essere attratti da qualcosa.
Tutti noi siamo attratti da alcune cose e fuggiamo da altre e nessuno risponde allo stesso modo nei confronti di un determinato stimolo, sebbene ognuno di noi abbia una determinata tendenza verso un modello o un altro.

Alcuni individui tendono ad essere energici, curiosi e ad essere attratti dal rischio, altri si sentono a loro agio se si muovono verso qualcosa di eccitante. Altri sono prudenti, diffidenti e protettivi e vedono il mondo come un posto pericoloso; cercano di tenersi lontano da qualsiasi fonte di pericolo e minaccia, non sentendosi per nulla eccitati da questo genere di emozioni.

Come professionista puoi promuovere il tuo servizio in due modi: dicendo quello che il servizio è capace di fare o sottolineando invece quello che può evitare che accada.

La strategia giusta da utilizzare dipende dalla persona con cui tu hai a che fare. Utilizzare il metaprogramma sbagliato ti allontana dalla strada della comunicazione efficace e preclude tutta la trattativa.

Su una stessa strada tu puoi andare in due sensi e lo stesso avviene con le persone.

Al prossimo aggiornamento con una nuova pillola di PNL, nel frattempo fatemi sapere cosa ne pensate. Noi ci aggiorneremo dopo il mio Advanced Master Practitioner di Programmazione Neuro Linguistica con Richard Bandler.
Vuoi saperne di più? Contattaci

Scegli un orario nel quale preferisci essere contattato e lascia il tuo numero di telefono


dalle 9 alle 11dalle 11 alle 13dalle 14 alle 16dalle 16 alle 18dopo le 18

Accetto Privacy e trattamento dei dati personali

No Comments

Post A Comment