Trova nel sito
Contattaci
Newsletter
Denuncia di successione 2017 - COME E QUANDO UTILIZZARE IL NUOVO MODELLO DI SUCCESSIONE - BUSINESS NOTARILE
16521
post-template-default,single,single-post,postid-16521,single-format-standard,bridge-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Denuncia di successione 2017 – COME E QUANDO UTILIZZARE IL NUOVO MODELLO DI SUCCESSIONE

DENUNCIA DI SUCCESSIONE

Denuncia di successione 2017 – COME E QUANDO UTILIZZARE IL NUOVO MODELLO DI SUCCESSIONE

Il nuovo modello di successione, utilizzabile a partire dal 23 gennaio 2017, è impiegabile soltanto per le successioni aperte dopo il 3 ottobre 2006.
Il precedente modello 4 dovrà essere ancora utilizzato per le successioni apertesi in data anteriore al 3 ottobre 2006 e per le dichiarazioni integrative, aggiuntive, sostitutive o modificative di una dichiarazione presentata con il precedente modello 4.
Nel nuovo modello di dichiarazione si dichiara più o meno tutto quello che si dichiarava precedentemente ma con un livello di dettaglio e precisione maggiore.
Una grossa novità riguarda gli allegati che ora dovranno essere scannerizzati/scansionati/digitalizzati (scegliete il termine che preferite) ed allegati al modello di dichiarazione ma cosa si allega in formato digitale alla dichiarazione?

  • la copia dei documenti di prova delle passività;
  • la copia autentica del documento, avente data anteriore all’apertura della successione, comprovante i debiti del defunto esistenti alla data di apertura della successione, ovvero del provvedimento giurisdizionale definitivo;
  • i documenti di prova delle deduzioni, riduzioni e detrazioni di cui si intende fruire; (NOVITA’!!)
  • la richiesta di agevolazioni sulle imposte ipocatastali comprensiva della dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui il richiedente attesti di avere gli specifici requisiti per fruirne; (NOVITA’!!)
  • la richiesta di riduzioni sull’imposta di successione comprensiva della dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui il richiedente attesti di avere gli specifici requisiti per fruirne; (NOVITA’!!)
  • la dichiarazione con cui il coniuge ed i discendenti del defunto, destinatari di trasferimenti anche tramite patti di famiglia, di aziende o rami di aziende, di quote sociali e azioni, si impegnano a proseguire l’esercizio dell’attività d’impresa o a detenerne il controllo (limitatamente alle società di capitali) per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data del trasferimento;
  • la copia dell’ultimo bilancio o inventario, ovvero prospetto attestante le attività e passività dell’azienda dal quale risulti il patrimonio netto alla data di apertura della successione;
  • in caso di successione testamentaria, la copia degli atti di ultima volontà del defunto, nonché la copia del verbale di pubblicazione del testamento, da cui è regolata la successione; (IN COPIA DIGITALE SOTTOSCRITTA DAL NOTAIO O SCANSIONE DELLA COPIA CONFORME CARTACEA)
  • la copia dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata dai quali risulta l’eventuale accordo delle parti per l’integrazione dei diritti di legittima lesi; (IN COPIA DIGITALE SOTTOSCRITTA DAL NOTAIO O SCANSIONE DELLA COPIA CONFORME CARTACEA)
  • le copie degli inventari richiesti dalla legge (come ad esempio il verbale di apertura della cassetta di sicurezza redatto dal notaio o da un funzionario dell’Agenzia delle entrate); (IN COPIA DIGITALE SOTTOSCRITTA DAL NOTAIO O SCANSIONE DELLA COPIA CONFORME CARTACEA)
  • la certificazione bancaria o postale per i rapporti di conto corrente o deposito titoli nonché le eventuali pubblicazioni di titoli e i prospetti dei titoli o quote di fondi comuni d’investimento, unitamente alla dichiarazione sostituiva di atto notorio attestante che gli stessi costituiscono copie degli originali;
  • i certificati di morte di soggetti deceduti all’estero, unitamente alla dichiarazione sostituiva di atto notorio attestante che gli stessi costituiscono copie degli originali;
  • i certificati relativi a navi e aeromobili posseduti all’estero, unitamente alla dichiarazione sostituiva di atto notorio attestante che gli stessi costituiscono copie degli originali;
  • la documentazione comprovante l’eventuale imposta pagata all’estero, unitamente alla dichiarazione sostituiva di atto notorio attestante che la stessa costituisce copia dell’originale;
  • la copia del documento d’identità di chi sottoscrive le dichiarazioni sostitutive di atto notorio da allegare alla dichiarazione di successione (se rese dai beneficiari diversi dal dichiarante); (ALCUNE AGENZIE RICHIEDONO CHE VENGA ALLEGATA LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ANCHE PER IL DICHIARANTE)
  • la traduzione in lingua italiana eseguita da un perito iscritto presso il tribunale ed asseverata conforme con giuramento, nel caso di documenti redatti in lingua straniera, unitamente alla dichiarazione sostituiva di atto notorio attestante che la stessa costituisce copia dell’originale (AD ECCEZIONE DEI TERRITORI AUTORIZZATI AL BILINGUISMO).

Una delle più grandi novità riguarda le MODALITA’ DI PAGAMENTO DEI TRIBUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE con ADDEBITO SU U CONTO CORRENTE intestato al dichiarante oppure al soggetto incaricato della trasmissione telematica (NOTAIO), identificati dal proprio codice fiscale. 
SOLO nel caso in cui la dichiarazione sia presentata tramite l’ufficio territoriale competente dell’Agenzia delle Entrate, e quindi SIA presentata CARTACEA presso l’Agenzia, il pagamento può avvenire tramite F24 da unire alla successione. ADDIO quindi al pagamento differito per tutti gli altri casi.

Per chiudere in bellezza la puntata di oggi, ecco l’elenco dei quadri che possono essere compilati nel nuovo modello oltre al frontespizio:
EA – Eredi, legatari e altri soggetti
EB – Attivo ereditario catasto terreni
EC – Attivo ereditario catasto fabbricati
ED – Passività e altri oneri
EE – Prospetto riepilogativo asse ereditario
EF – Liquidazione delle imposte ipotecarie, catastali e altri tributi
EG – Elenco documenti, certificati e dichiarazioni sostitutive da allegare alla dichiarazione
EH – Dichiarazioni sostitutive, agevolazioni e riduzioni
EI – Dichiarazioni utili alla voltura catastale – discordanza dati intestatario e passaggi intermedi non convalidati da atti legali
ER – Rendite, Crediti e altri beni

No Comments

Post A Comment