Trova nel sito
Contattaci
Newsletter
IL MITO DEL MULTITASKING E LE PERSONE DI SUCCESSO - BUSINESS NOTARILE
16004
post-template-default,single,single-post,postid-16004,single-format-standard,bridge-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

IL MITO DEL MULTITASKING E LE PERSONE DI SUCCESSO

MULTITASKING

IL MITO DEL MULTITASKING E LE PERSONE DI SUCCESSO

IL -MITO- DEL MULTITASKING E LE PERSONE DI SUCCESSO

Quando ho mostrato in anteprima questo articolo ad alcuni amici, subito dopo aver letto il titolo, lo hanno commentato con un corale “lo sapevo, il multitasking è la soluzione” ed invece ….. ho consigliato loro, come consiglio a te, questa breve lettura perché ricca di spunti interessanti.
Anche, tu come me, pensavi che le persone di successo fossero tali anche perché esperte nel fare tante cose e tutte contemporaneamente?
Allora rimarrai deluso come me…
La verità è diversa da quello che tutti i nostri formatori (spesso capi) ci hanno suggerito di fare: il cosiddetto multitasking non è una via per il successo.
Ascoltami, se nonostante preso da mille cose, ti senti di non averne concluse molte e le tue giornate ti sembrano improduttive, potresti avere un problema: sei poco focalizzato su quello che devi fare e il gestire, fare, condurre molte attività contemporaneamente è il principe della frustrazione per non aver concluso molto.
Il nostro cervello è un meraviglioso esecutore sequenziale di istruzioni, velocissimo, tanto veloce da dare l’impressione di svolgere addirittura operazioni parallele ma, in realtà tutto quello che fa, lo fa in sequenza.
Viene da sé che eseguire compiti sequenziali è più produttivo che eseguire compiti paralleli.
Un altro buon motivo è relativo alla dispersione delle energie: tentare di portare a termine tante cose contemporaneamente, provoca una forte dispersione di energia e con questa vanno rapidamente scemando la concentrazione, l’ispirazione, la creatività.
Il consiglio di molti uomini e donne di successo è quello di concentrarsi su poche attività per volta stabilendo quali sono realmente le attività essenziali attribuendo poi loro una priorità esecutiva basata su criteri di importanza o importanza strategica per ottenere eventualmente, a catena, altri risultati importanti.
Hai presente quando ti trovi ad affrontare “quel compito” che rimandi da un po’ perché lo riconosci come impegnativo, difficile, delicato e poi, una volta affrontato e risolto, altre situazioni ad esso collegate, si sgarbugliano e trovano immediata soluzione? Queste sono tipicamente le azioni importanti e di solito sono quelle che rimandiamo perché siamo trascinati dalla corrente d’acqua del fiume delle urgenze, solitamente compiti facili, semplici, apparentemente irrinunciabili e “ladri” di tempo prezioso.
Le persone di successo scelgono di fare meno cose ma fanno le cose che contano a costo di imparare a dire di “NO”.
Sento già la vocina di sottofondo che ti dice “MA come si fa a dire di NO?”.
Facilissimo, basta esercitarsi e ricordarsi che, a volte, siamo noi a porci problemi che per altri non esistono. Dire NO non vuol dire MAI, PER NULLA AL MONDO, IN NESSUN CASO, ma semplicemente vuol dire, NON ORA e tutti possono capire che davanti ad un tempo giornaliero finito, il NON ORA sia più che accettabile per chiunque. Le persone di successo smettono di pensare quello che possono pensare gli altri delle loro scelte e idee e agiscono secondo i loro progetti. Le persone di successo creano dei gruppi di lavoro ristretti ed efficaci e condividono con loro obiettivi e progetti, passo per passo, con riunioni veloci e dettagliate. Le persone di successo accettano suggerimenti e li valutano ma solo all’interno del loro progetto iniziale e non si fanno distrarre.
Le persone di successo sanno di avere un tempo giornaliero finito e per questo non corrono dietro all’agenda degli altri ma fissano scadenze ed impegni in base alle proprie esigenze ed al proprio progetto.

No Comments

Post A Comment